23 agosto 2010

POMODORINI DEL "PIENNOLO" BY CASA BARONE


Non c'è dubbio! Ai napoletani va riconosciuto il pregio di aver diffuso l'uso del pomodoro nella cucina italiana.
Nel Parco Nazionale del Vesuvio viene coltivata una qualità di pomodori rinnomata, i pomodorini vesuviani detti anche del "piennolo".
Come già indicato dal nome, questo "rubino" viene coltivato nei comuni alle pendici del Vesuvio, in un terreno vulcanico, più o meno a 200/ 300 metri sopra il livello del mare ed in assenza di irrigazione. Questo per quanto riguarda la natura, per il resto sono le cure dei produttori, che onorando le tradizioni, ottengono un prodotto sublime.
La vera particolarità è la sua tipica conservazione che consiste nella raccolta a mano dei pomodorini tra luglio ed agosto, prima della loro completa maturazione, ed appesi con tutto il grappolo ai "piennoli"
Il "piennolo" è un filo di canapa, legato a cerchio, al quale vengono appesi i grappoli e poi conservati sospesi in luoghi ventilati per essere poi consumati nel corso dell'anno in attesa del nuovo raccolto.
Questa lunga conservazione naturale è possibile grazie a due caratteristiche, una del prodotto perchè caratterizzato da una buccia spessa che rallenta la disidratazione e l'altra dalla coltivazione in "asciutta".
Un azienda che produce queste delizie (e non solo) è "Casa Barone" ed io non porevo simermi dal provarli.
Non è stato ne economico ne facile trovarli ma al Convivium si cade sempre in piedi quando si cerca qualche prodotto di nicchia.


Il mio barattolo è stato usato in tre modi, tutti eccellenti ma il migliore in assoluto è stato quello al cucchiaio.
La preparazione non sto neanche a dirvela, unico accorgimento usate un cucchiao da thè in questo modo non resterà incastrato nella bocca del barattolo ma riuscirà a portarvi un pomodorino intero fino alle papille gustative... ;-) . Così si apprezza la la buccia spessa, la polpa soda e quel sapore dolce- acidulo dato dalla concentrazioni di zuccheri e sali minerali.
Vi domanderete quale sia la particolarità di questo prodotto! Per è una serie di cose, la ristretta area coltivata, il metodo di coltivazione e conservazione inalterata nel tempo.
Questo prodotto è in attesa del riconoscimento DOP (se qualcuno ha delle informazioni in merito e mi smentisce ben venga e lo faccia tranquillamente postando un commento) ed il prezzo non è propriamente per tutte le tasche ma è comprensibile se si pensa che l'area coltivata è minima e che tutti i passagi sono affidati all'uomo che si occupa della coltivazione, raccolta e li accomoda sul "piennoli"


E poi che cosa c'è di meglio che uno spaghetto al pomodoro!!!
Bon Appétit!

9 commenti:

  1. Negli spaghetti c'e il minisoffritto di aglio? I pomodorini comunque li hai aggiunti in fondo (praticamente niente cottura), vero?
    Conditi nel piatto o padellati? (sono curiosissimo...).
    I pomodorini di Casa Barone sono secondo me i migliori :-)
    Sono tra l'altro quelli usati al Munaciello, in S. Spirito, che li vende anche.
    E brava Ilaria :-)

    RispondiElimina
  2. Ilaria per l'aria23 agosto 2010 17:36

    Che piacere risponderti Corrado ;-)
    Per gli spaghetti ho seguito le indicazioni riportate sulla confezione, ho usato l'aglio ma spremuto, in questo modo rilascia il sapore ma non resta sullo stomaco.
    La cottura del sugo sarà stata di 5 massimo 7 minuti non di più e gli spaghetti sono stati saltati in padella in modo da amalgamare tutti i sapori... in genere lo faccio con tutti i sughi di saltare il tutto in padella prima di servire...
    Grazie delle domande :-)))

    RispondiElimina
  3. MMMMMh sento il profumo anche da qui!!
    Brava ilaria, poi non conoscevo questi pomodorini appena torno mi metterò alla ricerca del barattolino:-))

    RispondiElimina
  4. ma che bravaaa!!!!!!!
    gniamm da leccarsi i baffi!! :))
    fede :**

    RispondiElimina
  5. Ciao Ily buon fine vacanze...
    una dritta sarebbe quella di provare da tuttobene, quando sono andata io li avevano finiti però Claudio (uno dei proprietari) mi ha detto che per settembre rientravano ;-)
    un bacino alla Noemi innammorata

    RispondiElimina
  6. Fede ben venuta :-)))
    grazie mille del commento... a presto e sono in attesa delle tue nuove idee ;-)

    RispondiElimina
  7. Che belle ricette, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Cara Ilaria complimenti!!!
    Il pomodorino del Piennolo del Vesuvio è finalmente DOP.
    Saluti

    RispondiElimina