15 aprile 2013

FOCACCINE DI PATATE CON CAVOLO NERO


 
Quando ero piccola ritenevo di essere diversa perché abitavo in campagna, ed in campagna hai l’ORTO!!! Ci sono voluti degli anni, diversi anni, perché riuscissi a comprendere il vantaggio di ciò che per me era la normalità, infatti è iniziato quel piacevole periodo che la mattina tra mille corse quando esco di casa per accompagnare la Caterina a scuola c’è il rituale del saluto ai nonni e puntualmente sotto il portico trovo la cassetta di verdura fresca appena raccolta dal nonno… ed io cerco di farmi venire in mente qualcosa per poter dire alla nonna la classica frase: me ne metti via un po’ che ci faccio qualcosa ;-)

Stessa cosa è successa qualche giorno fa quando ho visto il cavolo nero, anzi per la precisione, il cavolo nero riccio di Toscana, il classico cavolo nero che tutti gli orti di Toscana, ed in particolare di Firenze ed Arezzo, hanno come a stare a rappresentare un’appartenenza. E’ considerata una pianta per orti poveri, quelli dei contadini perché il cavolo nero è l’ingrediente della minestra di pane prima e della ribollita poi e di tante altre zuppe toscane. Ai ns. giorni non è poi così povero, ha molte sostanze, è depurativo e molto gustoso ed anche il suo utilizzo in cucina si è evoluto ed è andato oltre al classico utilizzo. E' uno dei pochi ortaggi del quale viene rispettata la stagionalità, perchè il cavolo nero è buono solo dopo che ha preso il freddo


Era giusto di qualche giorno prima che mi era passata per le mani questa ricetta che mi stuzzicava, questo contrasto tra chiaro e scuro, il dolce della patata ed il gusto maschio del cavolo ed il poterlo vedere finalmente in un modo diverso da quello in cui sono sempre stata abituata a vederlo.

Ingrediente per 4 persone:

Per le focaccine:
600g di patate
100g circa di farina 00
Un tuorlo
Olio extravergine d’oliva


Per il condimento:
una bella pianta di cavolo nero
una bella patata lessa fredda
olio extravergine d’oliva
2 spicchi d’aglio
Sale e pepe

 
Metto a lessare le patate in acqua salata inizialmente fredda. Stacco le foglie del cavolo e le pulisco eliminando la costa centrale; il piccolo grumolo centrale lo divido a metà. Lo lavo bene sotto l’acqua corrente e lo immergo in acqua salata in ebollizione lasciandolo cuocere per circa un quarto d’ora poi lo scolo e lo lascio ben sgocciolare.

Quando le patate sono cotte, le pelo e, ancora calde, le passo allo schiaccia patate, lasciandole cadere sulla spianatoia infarinata. Le allargo e le lascio intiepidire prima di unite la farina ed il tuorlo. Impasto per qualche minuto e poi divido il composto in 4 o 8 pezzetti secondo la dimensione che voglio dare alle focaccine. Modello altrettante palline e le schiaccio con le mani, formando delle focaccine  di circa ½ cm di spessore.

Taglio il cavolo grossolanamente e la patata a dadini. Scaldo 2 o 3 cucchiai d’olio in una padella e faccio soffriggere dolcemente gli spicchi d’aglio schiacciati. Quando sono d’orati li elimino e metto in padella cavolo e patata. Insaporisco con sale e pepe e faccio saltare la verdura a fuoco vivo per qualche minuto.

Metto sul fuoco una padella antiaderente, metto un filo d’olio e, quando è ben caldo, faccio cuocere 2 o 3 focaccine alla volta. Mentre cuociono, le bucherello con la forchette e, quando sono rosolate, le giro e termino la cottura. Le tengo in caldo sul bordo del forno e quando sono tutte pronte metto su ognuna una bella cucchiaiata di cavolo e patate ben caldi
 
 
 
Food in Progress
 
 

4 commenti:

  1. Questo post me lo ero perso mannaggia!!!!
    Devono essere deliziose te le copio.
    Baci

    RispondiElimina
  2. Ma nn è una verdura invernale?
    Roberto Vanni

    RispondiElimina